Crostata di spinaci e pancetta

Crostata di spinaci e pancetta

crostata di spinaci e pancetta

Un classico di grande successo, la crostata di spinaci.

 

Questa ricetta per la torta salata di pasta sfoglia con spinaci e pancetta è perfetta per ogni occasione, per una gita fuori porta, un ricevimento o una cena informale con amici e parenti.
Velocissima da preparare se si usa la pasta sfoglia già pronta, la crostata di spinaci e pancetta è comunque facile da eseguire e può essere gustata sia calda che fredda.

Inoltre è un trucco ideale anche per far mangiare verdure ai bambini: gli spinaci infatti sono molto ricchi di ferro, sali minerali, vitamine e acido folico.

Ingredienti per 4 persone per la crostata di spinaci:

1 confezione di pasta sfoglia, 1 kg spinaci, anche surgelati, 3 uova, ¼ di dl panna, 100 g groviera, 100 g pancetta, noce moscata e sale.

Preparazione:

lessare gli spinaci, strizzarli bene e tritarli.
Far rosolare la pancetta a dadini.
Dopodiché univi gli spinaci e far insaporire per qualche minuto.
A fuoco spento unire le uova sbattute, il gruviera a pezzettini, la panna e un pizzico di noce moscata.
Quindi aggiustare di sale.
Ritagliate dalla pasta sfoglia delle strisce che serviranno per creare l’effetto crostata.
Stendere poi la pasta in una teglia tonda.
Bucherellatela con una forchetta e versatevi il composto di spinaci.
Infine decorate con le strisce di pasta e cuocete la crostata di spinaci e pancetta in forno a 180° per circa 30 minuti.

La crostata salata con spinaci e pancetta può essere un’ottima idea di riciclo, facile, veloce e molto gustosa.

Si prepara in poco tempo, basta un pò di pasta sfoglia da farcire con gli avanzi del frigorifero: verdure, uova e formaggi.

Quale vino in abbinamento alla torta salata di spinaci?

La crostata di spinaci e pancetta contiene una varietà di sapori e di ingredienti che le consente una grande possibilità di associazione a vini.

Vanno benissimo sia un bianco medio, non troppo aromatico, sia un rosato poco tannico.

Consigliamo un Vermentino di Sardegna, un Trebbiano d’Abruzzo o un Bardolino Chiaretto.

 

Lascia un commento

Chiudi il menu